venerdì 21 dicembre 2012

sabato 8 dicembre 2012

Ritrovamenti.


Da un frammento perduto dell'EDDA di Snorri Sturluson:

CHE LA SANGUINOSA BATTAGLIA TRA ÆSIR E VANIR SI RIPETA DUNQUE,
E CHE LE TESTE DEGLI DEI E DEGLI UOMINI CADENDO NELLA TERRA 
GERMOGLINO NEI FIANCHI DEGLI JÖTNAR,
IN UN INFINITO VORTICARE DI NUOVE MORTI E NUOVE NASCITE,
IN UNA GUERRA CONTINUA CHE FACCIA INVOCARE IL RAGNARÖCK
ALLE POVERE ANIME SENZA DIMORA DEI NUOVI ASKR ED EMBLA.
CHE TUTTO CIO' ACCADA, SE NON FATE DISEGNARE
AL BARBUTO BIONDO CON IL COGNOME DEI POPOLI CONTENTI
IL RACCONTO A FIGURE DELLE GESTA DELLA PICCOLA VICHINGA.

Dico solo questo. Poi, fate voi.

martedì 4 dicembre 2012

Drakka T2 Trailer.

             

Avevo scritto un post elencando tutte le cose che ho perso in due anni per fare questo fumetto, e quanto mi fa stare male-quanto mi costa il modo in cui è stato trattato dalla casa editrice.

Ma non mi piace lagnarmi, quindi l'ho cancellato. Un giorno magari ne parlerò, al riparo da sentimentalismi.

Drakka è finito, ieri ho messo insieme questo trailer come una lapide, e adesso ci surfo sopra. Un grazie a chi non ho già ringraziato, e uno scusa a chi non ho ancora chiesto scusa.

Adesso è vostro.

mercoledì 7 novembre 2012

Selve Magiche!

Un piccolo estratto dallo studio di un progetto con quel pazzerello di Giovanni Masi!

Sul mio Facebook una versione alternativa!

sabato 13 ottobre 2012

GrawlrawrrrgrrawlGRAWL!


E così, mentre ero su Skype con Frédéric a parlare del futuro, la brushpen vagava sul foglio. Si vede che da piccolo vedevo troppo Tequila e Bonetti.

martedì 9 ottobre 2012

La gita a Barsac.

Allora siamo stati a Barsac, a dedicare Drakka T.1.
Che la gente mi chiedeva "Wè, malimortàsh, ma 'sto Tome 2? Tu est lent comment un comodèn claudicant en retromarsh!"
E io avoglia a spiegare che damò che l'ho finito, ma esce a Novembre, ma tanto quelli uguale mi tiravano le acciughe.

Allora dato che per legge in Francia non si possono tirare le acciughe se fai le dediche, ci ho messo quei 5 minuti in più a dedica e li ho fregati così.

Ecco alcune dediche.




(Sì, ero in mood maestro/gorillone)




Poi ho incontrato pure quel fenomeno di Nicola che è l'autore di un fumetto fighissimo. Quale? Questo(r)! Ad un certo punto Nicola ha visto che mi stavano per sganciare sulla testa un'acciuga record da 56 kg e allora mi ha lanciato un Drakka manco fosse Miva coi suoi componenti e mi ha detto "tiè, fammece 'na dedica Lorè!" (che è orignario di Brescia) e mi ha salvato, e io gliel'ho fatta: 


Poi c'era anche il mio compagno di ventura il sor Federico che dedicava Love T.2, e che ha fatto commuovere grandi e piccini, ma pure tutto il range intermedio non è che ha saputo contenere l'emozione.
E alla fine ci hanno fatto tutti e due delle dediche stratosferiche, quindi si può dire che nostante le acciughe, è andata bene.

giovedì 13 settembre 2012

Morrah!


Un giorno il principe Diselcio, di ritorno da una battuta di caccia, si trovò a passare per il mercato quando una vecchina si avvicinò al suo cavallo e gli chiese:
-Oh giovine principe, concederesti a questa povera donna malata l'onore una partita alla morra cinese? 
Il principe Diselcio, vedendo che in molti avevano assistito alla scena e si erano fermati intorno a loro, si trovò costretto ad accettare la sfida della timida signora per non mettere a rischio il suo onore.
- Botta secca! - Chiarificò il principe piombando con un balzo giù da cavallo. La vecchina, facendo un passo indietro, annuì.
Così i due pugni, uno carico di anelli e l'altro di vene, danzarono nell'aria mentre i due intonavano il rituale -But-tia-mo-lè-ggiù!-

Il principe tenne il pugno chiuso fino alla fine, mentre la vecchina all'ultimo momento lo aprì, tendendo le dita in una stella ossuta.
Il silenzio all'improvviso piombò sul mercato.
Il principe Diselcio fissava il suo pugno, mentre la signora fissava il principe Diselcio.
- Carta batte Roccia! - gridò infine un bimbo tra il pubblico.
Un - Ooooh!- di stupore si levò nella folla come uno stormo di piccioni.
Il principe, ancora paralizzato, diventò rosso in volto e scavalcando il brusio imbarazzato esclamò: - AVEVO DETTO SI ARRIVA A TRE!-

Il sorriso pietoso che nel frattempo si era disegnato sulla bocca della vecchina, al risuonare di queste parole, si appiattì bruscamente. I suoi occhi si alzarono verso il cappello floscio di Diselcio, le sue mani tremanti si sollevarono dai fianchi, facendo scivolare le sue larghe maniche lungo le braccia. Con una voce rasposa, gracchiò: "Avevi detto botta secca, e botta secca dirai per sempre. Mentre le lucertole prenderanno il sole sulle tue spalle e i ragni faranno la tana nelle tue orecchie."

Da quel giorno nessuno vide più il principe Diselcio. Alcuni presenti dicono di aver visto le mani del principe trasformarsi in roccia, prima che le guardie lo avvolgessero frettolosamente nel mantello e lo portassero via sollevandolo da terra.

martedì 4 settembre 2012

Le rive(r).





Quest'anno più viaggi dentro che fuori, ma almeno lì i ponti li attraverso come dico io. 

venerdì 24 agosto 2012

Nabelabionda.

Qualche studio per un personaggino che ai più assidui frequentatori del blog parrà in qualche modo familiare.

Un po' per combattere la piaga estiva dei fogli attaccati agli avambracci, un po' per avere qualcosa da raccontare quando la gente mi chiede "cos'hai fatto st'estate?", sto provando a disegnare direttamente in MangaStudio.

E mi ci trovo, come temevo!

In compenso adesso però la gente non mi chiede più niente: mi guarda da lontano, e scòte lo capo.

giovedì 2 agosto 2012

What boils in the pot.


Certe volte penso che nella pulsione a provare cose nuove sia insita la ricerca della morte. Spiegherebbe molte cose.
Come un cartografo che cerca, con una strumentazione primitiva, di disegnare i confini di una palude nebbiosa.
Piena di alligatori.
Invisibili.
Esplosivi.

Ma come diceva il vecchio adagio:

Ma se non lo provi, 
non lo saprai mai.
E se poi lo provi, 
lo riproverai.

P.S. Non è un vecchio adagio.


giovedì 14 giugno 2012

Bad Guys.

(Non posso dire cos'è.
Non posso dire perchè.
Ma posso dire caffè
e posso dire bignè
e una bella colazione
non la si da per scontata.)

sabato 2 giugno 2012

Mille piedi.


 
Pochi aggiornamenti di questi tempi perchè sono preso tra le correzioni finali del secondo ed ultimo volume di Drakka, qualche nuovo lavoro di colorazione del quale presto sentirete parlare, e la preparazione di nuovi progetti. Tante staffe, pochi piedi, un solo corazòn. 

Qui sopra una piccola anteprima con qualche vignetta sparsa e un primo studio dei personaggi di un progetto che sto preparando assieme a Frederic (sì, Frederic Brémaud, proprio quello che vince tutte le gare di cappello buffo). Io ho già un personaggio preferito, vediamo se indovinate chi è.

venerdì 18 maggio 2012

Amazing Spider-Man 686


STEFANO CASELLI: Pencils and Ink
LORENZO DE FELICI: Colors

I soliti bonus poi, la pagina in B/N e di seguito la versione con la grafica



In conclusione, dedico questo post ad Alessandro, che è mio fratello acquisito, e che da piccoli ci avevamo tutti e due i poster dell'uomoragno in camera, e dicevamo che Venom era fico (lui si fece anche fare un disegno di Rat-Man col costume di Venom da Leo all'Expocartoon del '97 o giù di lì, e gliel'ho sempre invidiato) e che Maximum Clonage ci faceva sentire strani. L'altro giorno sono passato a casa sua per vedere "Strippers VS Werewolves" (tentativo mal riuscito di replicare il ben più divertente "Zombie Strippers") e ho scoperto che aveva ordinato da internet il numero precedente a questo. Mi ha chiesto di farci una firma dentro e io non volevo, dicevo "ma daaai ma che ma che" ma poi alla fine aoh, l'ho fatta e lui era felice, e figuratevi me.

lunedì 7 maggio 2012

Crepaccio

Avanza. Si ferma su una rupe per ritrovare la strada. Per cercare la stella polare fissa il cielo e cade in uno stagno. Si asciuga davanti un piccolo fuoco, e quando è mattino riparte.


lunedì 30 aprile 2012

The Amazing Spider-Man 685

Nelle edicole d'oltreoceano fa sfoggio di sè attualmente uno Spider-Man con Silver Sable e Vedova Nera disegnato da un instancabile Stefano Caselli e colorato da un me.
STEFANO CASELLI: Pencil & Ink
LORENZO DE FELICI: Colors

 Qui di seguito come bonus vi allego il disegno in B/N e la versione completa di grafica etc..



In una amarognola nota finale aggiungo che sabato sono stato al Comicon di Napoli. Manifestazione di per sè riuscitissima, zeppa di gente, grande brio, molte cose interessanti. Per me e Annalisa però, ad offuscare l'entusiasmo mattutino e con esso il resto della giornata, una fila di letteralmente 2 ore e 30 minuti sotto il sole a picco per ritirare il pass dell'accredito da autori. In fila con noi altri autori, espositori, gente che doveva entrare per aprire lo stand, qualche cosplayer smarrito in preda all'insolazione che pomiciava con la sua spadona di cartone pressato. Che poi più che di "fila" sarebbe più corretto parlare di "massa informe di persone sudate e imbufalite", data l'assenza di transenne o di una qualsiasi autorità di controllo. Tale pass da "pro", ottenuto previa sottoscrizione sul sito del Comicon che testimoniasse la nostra appartenenza al magico mondo dei fumettari, ci viene alfine consegnato in tutta fretta senza nemmeno controllare i nostri documenti da un personale atterrito dalle urla di costernazione e minaccia che cominciano a levarsi dalla folla esausta. E vabbè. Alla fine si entra a ora di pranzo, giusto in tempo per gettarsi in una fila quasi equivalente al banchetto delle cibarie. Finisce la giornata, si torna a casa, si dorme. Il giorno dopo, poichè così come il tuono segue il lampo la beffa segue il danno, aprendo l'email troviamo la risposta  dell'organizzazione della fiera che ci avverte che la nostra richiesta di accredito è stata rifiutata poichè dai dati forniti non risultiamo professionisti del settore. E capiamo che in definitiva il pass ci è stato consegnato solo grazie all'assenza di controllo.
Ah.

venerdì 13 aprile 2012

By the fire.



E se il freddo tornerà 
come sempre ritorna 
e ci sarà bisogno di riaccendere il fuoco, 
lo falò.

giovedì 5 aprile 2012

#supportacocacolla!


Il mio contributo per la campagna di sensibilizzazione pro-yeah e anti-buuuh dal nome #supportacocacolla.

Se non avete idea di cosa io stia parlando, cinquepadrenostro treavemaria e poi leggete qui:

"CocaColla.it nasce ad aprile del 2010 come blog focalizzato su arte, design, advertising e nuove culture della rete. Grazie all’impegno e alla dedizione dei suoi editori e al supporto di collaboratori, amici e appassionati, in poco meno di due anni il blog diventa uno dei punti di riferimento per il design, l’illustrazione e la streetart con circa 2.000.000 di page view nell’ultimo anno, 1.500.000 visitatori unici, 7000 liker su Facebook e 1000 follower su Twitter.


Un paio di settimane fa (NdL, verso inizio febbraio) abbiamo ricevuto da Coca-Cola Company due lettere di diffida legate al nome e al dominio del nostro blog. Nelle lettere venivamo sollecitati a chiudere il blog e a sospendere la pratica di registrazione del marchio."


or in English:


"CocaColla.it is a blog born in 2010 that focuses on art, design, advertising, lifestyle and trends of internet, dedicated to lovers of contemporary art in all its forms.
Our blog in these two years has been so successful that it became a point of reference for design and street art. Thanks to the constant daily effort and dedication of our team, Cocacolla entered the italian charts of the industry, touching 1.5 MILLION unique visitors in the first year of life.
We count more than 7000 likers on Facebook and over 1000 followers on Twitter. Our articles have been read in 202 countries around the world.
CocaColla has become so famous that even The Coca-Cola Company noticed us and a couple of weeks ago we received from their legal department two letters of formal warning asking us to withdraw the registration of brand CocaColla, give up the domain name “www.cocacolla.it”, and close our related social profiles.
Penalty citation for trial."


Per il resto dell'articolo e altri dettagli, leggete qui!


E poi su COLLATER.AL andateci regolarmente a rinfrescarvi occhi e cerebro!

lunedì 2 aprile 2012

I quesiti interessanti di Crocco e Dameringa!

Direttamente dalle pagine de "I famosi Crocco e Pastrocchiella", lo spin-off enigmistico che mentre lo leggete vi suscita come dell'interesse!

lunedì 26 marzo 2012

Who's that girl?

Una finestra sul futuro:
presto, presto mi vedrete con quelle treccione semicasearie.
E' primavera!

sabato 11 febbraio 2012

Quando Fa Freddo.


E quando fa freddo, mi rivolgo alla mia amica ragazzina del Grande Nord. Che a volte mi offre un tè caldo di radici di erba della luna (che sa un po' di big babol) e sorseggiandolo ci facciamo due risate, a volte mi fissa così, con la sua ascia bipenne in mano, e tutto sommato mi sento meglio lo stesso.

sabato 4 febbraio 2012

Salvo.

Io ci provo, ci provo fino alla fine.
Sto là deciso, mi impunto, me lo prometto, me lo riprometto e me lo giuro.
Non stavolta.
Non. Stavolta.
Non mi avrà.
Non ce n'è motivo, di certe cose devo imparare a fare a meno.

E poi, succede.
Due secondi prima di chiudere il file, ci faccio un pupazzetto stupido.
E salvo, sconfitto.
Ma salvo.

giovedì 19 gennaio 2012

venerdì 6 gennaio 2012

Veni, vidi, Venom.

E ieri dopo cena mi toccava disegnare una scena di due che si menano su un tetto. Che per me è una gioia così grande, che mi piace rimandarla. Così ho fissato per un pò la mia brushpen, languida magra e mezza scarica come una modella alla fine di una lunga passerella. Mi sono detto che era giusta per la seconda installazione di "le cose che mi mandavano in sollucchero da giovine". 

E così fu V. Non per vendetta, ma per amor.

Qui sotto come bonus la versione appena scansionata, con tutte le zozzate dell'occorrenza.